Parrocchia Santa Maria del Soccorso

Il Gruppo Cafàrnao

Indietro

L'idea

Le parole che il Papa ha detto in occasione della XV giornata mondiale della gioventù, "Cari giovani, vi invito a intraprendere con gioia il pellegrinaggio verso questo grande appuntamento ecclesiale, che sarà, a giusto titolo, il Giubileo dei Giovani. Preparatevi a varcare la Porta Santa, sapendo che passare attraverso di essa significa rinvigorire la propria fede in Cristo per vivere la vita nuova che Egli ci ha donato", hanno risvegliato in noi l'idea di suscitare, nella nostra  comunità parrocchiale, un gruppo di giovani con l'intento di accrescere la loro fede e al tempo stesso costituire un punto di riferimento per altri giovani che, magari in occasione del catechismo, si trovavano "di passaggio" nella nostra Parrocchia.

Per iniziare, abbiamo deciso di coinvolgere i giovani che si stavano preparando a ricevere il sacramento della Cresima (Aprile 2000), inviando loro una lettera per sensibilizzarli a non lasciare tutto appena ricevuto il sacramento, ma a continuare a vivere nella Chiesa formando un gruppo per iniziare un nuovo cammino a partire da Settembre . Quindici di questi giovani hanno aderito all'iniziativa e, il 29 settembre erano presenti al primo incontro.

Insieme abbiamo stabilito il giorno e l'orario in cui incontrarci (il Venerdì dalle ore 19:00 alle ore 20:30) e, cosa importante, il seguente codice di comportamento in 10 punti a cui ognuno si sente impegnato a lavorare per far si che il gruppo abbia basi concrete e omogenee a cui riferirsi:

1. La partecipazione regolare agli incontri stabiliti ogni 15 giorni;

2. La partecipazione alla S. Messa;

3. La pratica della Confessione mensile;

4. La preghiera personale quotidiana (per il gruppo, per la famiglia, per la comunità ecc.);

5. L'ascolto e l'approfondimento della Parola di Dio, attraverso i temi scelti per l'incontro;

6. Prendersi cura di chi è in difficoltà nel gruppo;

7. Aprire le nostre case agli altri del gruppo;

8. L'avvicinamento e la conoscenza degli altri del gruppo;

9. Ritiri spirituali;

10. Il pellegrinaggio annuale.

Preparazione e svolgimento degli incontri

In un primo periodo verrà trattato il tema della Vita in alternativa alla cultura della morte, che continuamente ci viene proposta e propagandata dai media e da alcuni governi, approfondendo argomenti quali l'Eutanasia, la Clonazione, la Contraccezione, la Pillola del giorno dopo, l'Aborto.

L'incontro è di norma preparato da quattro giovani che propone la discussione partendo da quattro riflessioni:

a) Che cos'è ………….?

b) Cosa mi viene proposto?

c) Cosa ne penso io?

d) Cosa mi propone Dio?

In un primo incontro la riflessione/discussione avviene tra tutti i giovani del gruppo che esprimono il loro pensiero ed eventualmente propongono domande e richieste di chiarimenti. Quest'ultimi nel secondo incontro verranno ripresi e approfonditi con l'intervento del Sacerdote responsabile dei giovani, il quale farà una catechesi esponendo il pensiero della Chiesa sull'argomento.

Il cammino

Un obiettivo importante del nostro programma è  vivere esperienze di fraternità spirituale con uscite anche di più giorni. Questi momenti importanti dovranno lasciare tracce dell'incontro con Cristo e con il prossimo ed essere occasione per esperienze di preghiera, lode, ascolto e meditazione della Parola per la Sua applicazione nella vita.

Infatti, come dice il Papa,  "Giovani di ogni continente, non abbiate paura di essere i santi del nuovo millennio! Siate contemplativi e amanti della preghiera; coerenti con la vostra fede e generosi nel servizio ai fratelli, membra attive della Chiesa e artefici di pace. Per realizzare questo impegnativo progetto di vita, rimanete nell'ascolto della sua Parola, attingete vigore dai Sacramenti, specialmente dall'Eucaristia e dalla Penitenza. Il Signore vi vuole apostoli intrepidi del suo Vangelo e costruttori di una nuova umanità. Con Cristo la santità diventa realizzabile. Contate su di lui; credete alla forza invincibile del Vangelo e ponete la fede a fondamento della vostra speranza. Gesù cammina con voi, vi rinnova il cuore e vi irrobustisce con il vigore del suo Spirito ".

Quindi il Pellegrinaggio verso la santità. Quando penso al pellegrinaggio penso ai luoghi che parlano chiaro ed esprimono in modo particolare l'amore di Dio per l'uomo e cioè Gerusalemme e tutta la Terra Santa, Lourdes, Fatima, Santiago de Compostela, Loreto.

Quest'ultima, tappa del nostro primo anno, dovrà essere un evento che ci permetterà di cambiare marcia, per non tornare più indietro ma volgere lo sguardo definitivamente a Colui che hanno trafitto.

Il nome

Si chiamerà Cafarnao, il luogo dove Gesù ha sostato di più e dove è stato accolto in casa da Pietro. Anche noi dobbiamo saper accogliere Cristo e ospitarlo in noi, nel nostro gruppo, nella nostra vita privata e sociale, ma soprattutto saperlo presentare a quanti c'incontrano. Gesù dice : "In verità vi dico, presso nessuno in Israele ho trovato una fede così grande". Facciamo nostra la virtù di voler riflettere tale fede, tanto da meravigliare il Signore. Questi i due punti essenziali per cui vogliamo chiamarci Cafarnao.

Per terminare questa presentazione vorremmo affidare questo gruppo, questi giovani e quelli che verranno, alla nostra patrona S. Maria del Soccorso, perché come ha accolto e avuto cura di Gesù, prima bambino e poi giovane, così abbia a proteggere questi giovani, affinché possano essere le sentinelle del mattino del nuovo millenniose saranno quello che devono essere, metteranno fuoco in tutto il mondo.

I nostri lavori

Per saperne di più:

Sull'eutanasia

Sulla clonazione

Relazione sull'attività 2000-2001    

Relazione sul ritiro 2001

Riprendiamo il cammino: anno 2001-2002

3 dicembre 2001: Un incontro speciale      (new)